domenica 25 agosto 2013

Boris Pahor: 100 anni e non sentirli

Non avrebbe mai pensato di vivere così a lungo. Lo ha dichiarato lo stesso Pahor in un’intervista al Primorski dnevnik, il quotidiano triestino in lingua slovena che domani gli dedica un inserto speciale di 12 pagine, dal titolo Pahorjevo stoletje (Il secolo di Pahor). Il quotidiano triestino in lingua slovena ha infatti deciso di omaggiare in questo modo lo scrittore triestino che domani compierà 100 anni. Un supplemento ricco di materiale fotografico, interviste, commenti, che nasce dalla collaborazione con il quotidiano Primorske novice di Koper-Capodistria (al quale verrà allegato lunedì). 
“Soltanto durante la malattia di mia moglie – ha detto Pahor- ho iniziato a pensare alla mia eta e ho realizzato di essere piu vecchio di lei. In realta – ha aggiunto l’autore di Necropoli – ho trascorso tutta la vita a pensare soltanto a come mi sarei seduto alla mia macchina da scrivere. Forse ho rimosso la vecchiaia e il passare del tempo a causa dell’ esperienza vissuta nei campi di concentramento. Li ho convissuto con la morte ogni giorno. La morte mi e entrata dentro, e diventata parte del mio quotidiano”. (pubblicato anche su Bora.La)

Nessun commento:

Posta un commento