lunedì 29 marzo 2010

Nomi e definizioni

Penso si sia arrivati a una svolta epocale. Per chi viveva nella convinzione che l'Italia e gli Italiani avessero dimenticato di programmare la sveglia, ecco che migliaia di persone nonostante questa “dimenticanza” si sono svegliati. Forse per caso. Forse erano stanchi di quel dormire. Beh, fatto sta che si sono alzati dalla loro bella poltrona, hanno acceso la Tv (quelli che sono coperti dal digitale terrestre o sono abbonati Sky) oppure si sono collegati ai vari portali della rete. E i loro occhi e le loro orecchie hanno visto e sentito ciò che già si sapeva, ma si ignorava perchè nessuno ne parlava davvero.Gli studiosi e non solo dicono che i vari elementi della realtà non hanno significato, se non diamo loro un nome. Lo dice anche Barrico nel suo nuovo romanzo “Emmaus”, spiegando che la pedofilia e la depressione non esistessero negli anni 70 per il semplice motivo che non si dava loro un nome e una definizione. Fino al 2009 in Italia non esisteva una definizione specifica per lo “stalking” considerato semplicemente molestia, e quindi non esisteva nella realtà. Ora anche la nostra realtà politica ha finalmente una definizione nuova, più vicina a ciò che è davvero. Proviamo a imparare a definire le cose per quello che sono. Eviteremo così eventuali incomprensioni.

mercoledì 24 marzo 2010

Di nuovo..

Di nuovo quiella sensazione. Di nuovo.

Odio svegliarmi la mattina con la consapevolezza che tutto è incerto.

Amo la sicurezza. Amo le cose programmate. Odio ciò che non posso controllare e ciò sfugge al mio potere.

Non vedi l'ora che tutto questo finisca.

sabato 20 marzo 2010

Odpadli cvet se ne vrne vec na vejo...

Cosa succede quando le donne superano i tabù che per secoli le hanno relegato al semplice ruolo di riproduzione e di cura? Quanto ci ha negato la storia... A quanto hanno dovuto rinunciare ancora le nostre nonne...
Questi i quesiti che mi sono posta in questi ultimi giorni. Ho avuto modo di chiacchierare con una signora, amica di mia nonna e mia compaesana, che mi ha vista crescere. Era incredibile. Dopo avermi ripetuto per anni di come avesse amato suo marito fino alla morte, di come erano stati felici, ultimamente si è aperta un pò di più.
Mi ha detto, e non è assolutamente facile ammetterlo, specialmente a settant'anni: " non ho mai voluto bene a mio padre. Certo lo rispettavo, ma volergli bene... no!"
Nessuna strana storia di abuso dietro a questa dichiarazione, ma semplicemente la cruda realtà del dopoguerra: un uomo capofamiglia che alza le mani sulla propria moglie e che non è capace di esternare i propri sentimenti. La moglie muore e le due figlie si devono prendere cura di lui, rinunciando agli studi e a quant'altro.... dietro a questa trama però: sentimenti inespressi, difficoltà di trovare la propria identità di donna, la guerra, il dopoguerra, la fame... e poi un matrimonio certamente, un matrimonio d'amore per fortuna. Ma chi ridarà indietro a questa donna la sua infanzia e la sua adolescenza?

giovedì 18 marzo 2010

"tobacco kiosk" by Fernando Pessoa ( Portuguese poet, 1888-1935 )


I am nothing
I shall always be nothing
I cannot wish to be anything.
Aside from that, I have within me all the dreams of the world.

Windows of my room,
The room of one of the world’s millions nobody knows about
(And if they knew about me, what would they know?)
Open onto the mystery of a street continually crossed by people,
To a street inaccessible to any thought,
Real, impossibly real, certain, unknowingly certain,
With the mystery of things beneath the stones and beings,
With death making the walls damp and men’s hair white,
With the Destiny driving the wagon of everything down the road of nothing.

Today I am defeated, as if I knew the truth.
Today I am clear-minded, as if I were about to die
And had no more kinship with things
Than a goodbye, this building and this side of the street becoming
A long row of train carriages, and a whistle departing
From inside my head,
And a jolt of my nerves and a creak of bones as we go.

Today I am bewildered, as one who wondered and discovered and forgot.
Today I am divided between the loyalty I owe
To the outward reality of the Tobacco Kiosk of the other side of the street
And to the inward real feeling that everything is but a dream.
I have missed everything.
And since I had no aims, maybe everything was indeed nothing.

What I was taught,
I go down from the window at the back of the house.
I went to the countryside with grand plans,
But all I found in it was grass and trees,
And when there were people, they were just like other people
I step back from the window and sit in a chair. What should I think about now?

I have dreamed more than Napoleon did.
I have held against the hypothetical heart more humanities than Christ.
I have secretly created philosophies no Kant has ever written.
But I am, and perhaps always should be, the one from the attic
Although I don’t live in it;
I shall always be someone not born for this;
I shall always be the one who just had qualities;
I shall always be the one who has waited for a gate to open next a wall without a door
And sang the song of the infinite in a poultry-yard,
And heard God’s voice in a blocked-up well.
Believe in myself? No, not in me and not in nothing.
May Nature be dissolved on my feverish head
Her sun, her rain, the wind that ruffles my hair,
And the rest, let it come if it must, it doesn’t matter.
Hearts in thrall to the stars,
We have conquered the whole world before leaving our beds.
But we were awakened and it was opaque,
We rose and he was strange to us
We left the house and it was the whole world,
And also the Solar System, the Milky Way and the Indefinite…

Eat chocolates!
Know there are no metaphysics in the world but chocolates.
Know that all the faiths don’t teach more than confectionery.
Eat, dirty one, eat!
If only I could eat chocolates with the same veracity you do!
But I think, and when I lift the silver paper of a leaf of tin-foil
I let everything fall to the ground, as I have done to my life.)

Musical essence of my useless verses,
If only I could face you as something I had created
Instead of always facing the Tobacco Kiosk across the street,
Forcing underfoot the consciousness of existing,
Like a carpet a drunkard stumbles on
Or a straw mat stolen by gypsies and worth nothing.

But the Tobacco Kiosk owner has come to the door and is standing there.
I look at him with the discomfort of an half-turned head
And the discomfort of an half-grasping soul.
He shall die and I shall die.
He shall leave his signboard and I shall leave my poems.
His sign will die, and so will my poems.
And soon the street where the sign is, will die too,
And so will the language in which my poems are written.
And so will the whirling planet where all of this happened.
On other satellites of other systems something like people
Will go on making something like poems and living under things like signboards,
Always one thing facing the other,
Always one thing as useless as the other,
Always the impossible as stupid as reality,
Always the mystery of the bottom as powerful as the mysterious dream of the top.
Always this or always some other thing, or neither one nor the other.

But a man has entered the Tobacco Shop (to buy tobacco?),
And plausible reality suddenly hits me.
I half rouse myself, energetic, convinced, human,
And I will try to write these verses in which I say the opposite.

I light a cigarette as I think about writing them,
And in that cigarette I savour liberation from all thoughts.
I follow the smoke as if it were my personal itinerary
And enjoy, in a sensitive and capable moment
The liberation of all the speculations
With the conscience that metaphysics is a consequence of not feeling well.

Afterwards I throw myself on the chair
And continue smoking.
As long as Destiny allows, I will keep smoking.

(If I married my washwoman’s daughter
Maybe I should be happy.)
Upon that, I rise. And I go to the window.

The man has come out of the Tobacco Kiosk (putting change in his trousers?).
Ah, I know him: he is Esteves without metaphysics.
(The Tobacco Kiosk owner has come to the door.)
As if by a divine instinct, Esteves turned around and saw me.
He waved hello, I greet him “Hello there, Esteves!”, and the universe
Reconstructed itself for me, without ideal or hope, and the owner of the Tobacco Kiosk smiled.

mercoledì 17 marzo 2010

martedì 16 marzo 2010

Rumi” Whispers of the Beloved “

I cannot sleep in your prescence.
In your absence, tears prevent me.
You watch me My Beloved
On each sleepless night and
Only You see the difference

Looking at my life
I see that only Love
Has been my soul’s companion
From deep inside
My soul cries out:
Do not wait, surrender
For the sake of Love.

If you can’t smell the fragrance
Don’t come into the garden of Love.
If you’re unwilling to undress
Don’t enter into the stream of Truth.
Stay where you are.
Don’t come our way.

All year round the lover is mad,
Unkempt, lovesick and in disgrace.
Without love there is nothing but grief.
In love… what else matters?

Love is our Mother and
The way of our Prophet.
Yet it is in our nature
To fight with Love.
We can’t see you, mother,
Hidden behind dark veils
Woven by ourselves.

Do you want to enter paradise?
To walk the path of Truth
You need the grace of God.
We all face death in the end.
But on the way, be careful
Never to hurt a human heart!

Do you know what the music is saying?
“Come follow me and you will find the way.
Your mistakes can also lead you to the Truth.
When you ask, the answer will be given.”

The Master who’s full of sweetness
Is so drunk with love, he’s oblivious.
“Will you give me
some of your sweetness?”
“I have none,” he says,
unaware of his richness.

You know what love is?
It is all kindness, generosity.
Disharmony prevails when
You confuse lust with love, while
The distance between the two
Is endless.

This Love is a King
But his banner is hidden.
The Koran speaks the Truth
But its miracle is concealed.
Love has pierced with its arrow
The heart of every lover.
Blood flows but the wound is invisible.

domenica 14 marzo 2010

Numeri che contano..

Numeri che contano

9su 132 le donne ambasciatrici italiane sul totale di ambasciate e missioni diplomatiche permanenti. In Usa sono 40 su 179, in Svezia 30 su 93(fonte: Il Sole 24 Ore, 8 marzo 2010)

21,3%presenza di donne nel Parlamento italiano. In Spagna sono il 36,3%, in Svezia il 47%(Il Sole 24 Ore, 19 maggio 2009)

2,1%donne nei consigli di amministrazione delle prime 300 società di capitali italiane. In Gran Bretagna sono l’11,5%, in Norvegia il 44,2%(Il Sole 24 Ore, 19 maggio 2009)

11%donne primario in Italia(Conto annuale 2005 della Ragioneria generale dello Stato, Ansa 31 marzo 2008)

46,3%Il tasso dell’occupazione femminile in Italia nel 2009. In Islanda è superiore all’80% (Fonte: Istat)

72È la posizione occupata dall’Italia (su un totale di 134 Pesi) come numero di occupate donne nelle imprese nel 2009. Nel 2008 eravamo al 67mo posto(Fonte: Agenzia Ansa dell’8 marzo 2010)

Letizia Virtuale

V naročju ...

Vcerajsnja predstavitev Rebuline pesniske zbirke je se kar uspela. Poezija se je srecala sprva s petjem, nato s plesom in z "besedo" samo .
Kaj nam pomeni dandanes pesnjenje? Ali znamo sprejemati vse to, kar nam poezija nudi. Kako si razlagamo odnos med zenskami in poezijo? Kaj pomeni biti zenska dandanes? Ali znamo zenske res biti zenske? Na taka in podobna vprasanja je avtorica izcrpno odgovorila.
V zadnjih dveh letih sem se bolj ali manj strokovno ukvarjala z zenskimi studijami t.i. gender studies, a sem se premalo osredocotocala na zensko duhovno rast. Zensko enakopravnost sem od vedno enacila predvsem s politicno, socialno in druzbeno enakopravnostjo. Pozabila sem na "custveno" plat. Kajti kako priti do enakosti med spoloma, ce se ne vemo kaj pomeni biti "zenska" in ne znamo poslusati same sebe?

Tako pise Maja o pesniski zbirki:

Alenka Rebula: V naročju

Energičnost rdeče, rumene, modre, pisanega sveta, ki se spaja s krhkostjo akvarelnih podob. Rahlo spredeno ravnovesje med človeško ranljivostjo in neizčrpno regenerativno močjo moškega in ženske, otroka in odraslega. V času, ki je morda zaradi svojega hitrega ritma bolj naklonjen pisanju kot pa branju poezije, se V naročju bralcu odpira kot premišljen in umirjen, a naravno in nepreračunljivo izbrušen literarni biser, ki pod svojo lupino čarobne skrivnosti najprej razpira bolečine, konflikte in rane, nato pa skozenj zasije tiha toplina, ki v bralcu pusti občutek varne človeške bližine in brezpogojnega tolažilnega objema. Tudi slovenski pesnik in publicist Ace Mermolja je izpostavil dvojno naravo te pesniške zbirke, skozi katero se po njegovem mnenju odraža avtoričina nenavadna moč, da preko besede sproža magično energijo, ki bralca pritegne in je v njem zmožna vzbujati mir ali pa preplah. Poezija Alenke Rebule namreč ni le intimistično dejanje, ki bi želelo ostati hermetično zaprto vase in dostopno le redkim »izbrancem«, temveč preko vzbujanja pisane palete čustev nagovarja bralca, ga izzove in približa pesmim ter mu dovoli, da jih naredi »za svoje«. Po avtoričinem mnenju je poezija pomembna dimenzija, ki se kaže kot zmožnost oziroma slutnja, prisotna v vsakem človeškem bitju, ki mu omogoča, da se približa največjim skrivnostim. Poezija, pravi Rebula, čisti in plemeniti življenje ter človeka bliža lepoti in ga povezuje z drugimi, zato je ena izmed potreb, ki se oglašajo v vsakomer. Najgloblji vzgib, ki rodi pesem pa ostaja v očeh pesnice nekaj skrivnostnega in nerazložljivega. Pridih skrivnosti dodajajo knjigi tudi risbe mlade ilustratorke Mete Wraber, ki, kot bi lebdele na papirju, ubrano primešajo pesmim nove vsebine.
Srž pesmi Alenke Rebule, ki, kot pravi avtorica, nastaja, ko jo nekaj prizadene, očara ali v njej vzbudi ljubezen, tvorijo »tiste uganke, ki so že dolga tisočletja iste«. Povezane so predvsem z vrsto prepletajočih se medčloveških odnosov, o katerih si vsakdo postavlja vprašanja ne glede na prostor in čas, v katerega je postavljen. Ljubezenski odnos, starševstvo, odnosi med moškimi in ženskami, otroci in odraslimi so osrednja os petih ciklusov pesniške zbirke V naročju. Poleg omenjenih tematik pa se preko celotne pesniške zbirke odraža izbranost izrazov, ki odseva spoštljiv in ljubeč odnos do besede. Ideal Alenke Rebule bi bil napisati pesem, ki bi jo razumeli vsi, saj sama meni, da dandanes ljudje iščejo predvsem iskrenost, prečiščeno govorico, ki naj bi nadomestila vse očitnejšo izpraznjenost jezika, ki se kaže v predvidljivih frazah in neprestano ponavljajočih se besedah. Pesniška zbirka potrjuje avtoričino občutenje jezika kot sredstva prenavljanja, v katerem naj bi bila beseda predmet in sredstvo nenehnih odkrivanj ter stalnih iskanj, ki pa se lahko uresničijo le ob medsebojnih srečanjih. Taka se ji zdi tudi funkcija umetnosti oz. poezije. Ko je ta zapisana, postane last vseh, preko besede dobi moč, da premakne čustvo v človeku in ob vsakem bralcu zaživi drugačno življenje.

Maja Smotlak, študentka slovenistike na Fakulteti za humanistične študije Koper

sabato 13 marzo 2010

Il Fattore D di Maurizio Ferrara ovvero perchè il lavoro delle donne farà crescere l'Italia


l fattore D
PERCHE' IL LAVORO DELLE DONNE FARA' CRESCERE L'ITALIA.
Strade Blu - Mondadori

Da anni l'Italia cresce poco o nulla. Cresce poco dal punto di vista economico. E cresce ancora meno sul piano demografico.
Negli ultimi mesi sono state scritte molte pagine e sono state spese fin troppe parole per elencare tutto quello che andrebbe fatto per rimettere in moto il paese: liberalizzazioni, mercati più efficienti, fisco più leggero, investimenti in ricerca e innovazione e così via. Eppure esiste una risorsa più importante, di cui si parla poco e sempre nel modo sbagliato: il lavoro femminile. "Fare largo alle donne" e promuoverne l'occupazione è diventato urgente non solo per ragioni di pari opportunità e di giustizia sociale, ma soprattutto perchè senza di loro l'Italia non cresce.
Puntare sul lavoro delle donne è oggi la scommessa più "conveniente" per tutti noi.

Nel nostro paese ci sono troppe donne a casa. L'Italia, senza rendersene conto, sta rinunciando a quello che recentemente si è rivelato essere il vero motore dell'economia mondiale: nell'ultimo decennio l'incremento dell'occupazione femminile negli altri paesi sviluppati ha contribuito alla crescita globale più dell'intera economia cinese.

Il fattore D, il lavoro delle donne, è un fattore decisivo di crescita perchè garantisce più ricchezza alle famiglie. Ma non solo: quante più donne lavorano, tanti più nuclei famigliari si rivolgeranno al mercato per cercare soluzioni a quei problemi e a quei bisogni di cui oggi si occupano le madri e le mogli che stanno a casa, dando così un forte impulso alla sviluppo di una moderna economia dei servizi. Il che significa nuovi posti di lavoro e una nuova ricchezza diffusa. E significa pure meno culle vuote e meno bambini poveri. Si tratta di tre fenomeni apparentemente indipendenti, ma in realtà non è affatto così.
Perchè, al contrario di quanto siamo abituati a pensare, una donna che lavora non per questo fa meno figli. Lo dicono i dati demografici: l'Italia, in cui lavora solo il 46 per cento della popolazione femminile, conosce uno dei tassi di natalità più bassi del mondo.
Mentre nel resto dell'Occidente sta succedendo quanto è apparentemente meno probabile: le donne che hanno un impiego, e che sono aiutate a conciliare impegno professionale e vita domestica, sono quelle che mettono al mondo più figli e che sono in grado di garantire loro buona educazione, tranquillità economica e un avvenire più sicuro.

Maurizio Ferrera, con acume e leggerezza, ci insegna a guardare al lavoro femminile in modo rivoluzionario. E ci spiega perchè la più grande occasione per il nostro futuro è semplice e sorprendente: fare largo alle donne.

Oltre i tabù... con Valerie Tasso

Ecco una buona lettura per smettere di chiudere gli occhi e per superare determinati tabù mentali. :-)

L'altro lato del sesso
Editore: Tropea
Collana: I Trofei
Traduttore: Rodríguez X.
Pagine: 255
ISBN: 8895515013
ISBN-13: 9788895515014
Data pubbl.: 2007


Valérie Tasso è stata testimone privilegiata negli ambienti chiusi e selezionati del sesso da molti definito deviante: è stata invitata in un castello della Repubblica Ceca dove le donne dominano gli uomini chiamato il Regno dell'altro mondo, ha seguito i voyeurs di Casa de Campo a Madrid, ha raccolto informazioni su pratiche poco conosciute come le "Infermiere sessuali" in Danimarca e negli Stati Uniti, che le usano come terapia per malati e anziani. L'indagine approfondisce anche la posizione di coloro che rinunciano al sesso, praticando l'astinenza. Il libro riflette anche l'atteggiamento dell'autrice davanti al sesso, sempre libero, ma anche diverso, fuori dalle convenzioni e dai discorsi normalizzanti.

venerdì 12 marzo 2010

Kavafis e il viaggio come allegoria...

"Trust and start walking. We are not alone in the dark, our path will unfold as we move. R.L.Stevenson once said: "“I travel not to go anywhere, but to go. I travel for travel's sake. The great affair is to move.” If you can't move in the physical world, move in your imagination, but MOVE."

COSTANTINOS KAVAFIS

ITACA

Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga,
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere,
non sara` questo il genere di incontri
se il pensiero resta alto e un sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi e Lestrigoni, no certo,
ne' nell'irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l'anima non te li mette contro.

Devi augurarti che la strada sia lunga.
Che i mattini d'estate siano tanti
quando nei porti - finalmente e con che gioia -
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre
tutta merce fina, anche profumi
penetranti d'ogni sorta; piu' profumi inebrianti che puoi,
va in molte citta` egizie
impara una quantità di cose dai dotti.

Sempre devi avere in mente Itaca -
raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull'isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
sulla strada: che cos'altro ti aspetti?

E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
gia` tu avrai capito cio` che Itaca vuole significare.



Wounded by love... (Paulo Coelho)

General provisions:

A – Whereas the saying “all is fair in love and war” is absolutely correct;

B – Whereas for war we have the Geneva Convention, approved on 22 August 1864, which provides for those wounded in the battle field, but until now no convention has been signed concerning those wounded in love, who are far greater in number;

It is hereby decreed that:

Article 1 – All lovers, of any sex, are alerted that love, besides being a blessing, is also something extremely dangerous, unpredictable and capable of causing serious damage. Consequently, anyone planning to love should be aware that they are exposing their body and soul to various types of wounds, and that they shall not be able to blame their partner at any moment, since the risk is the same for both.

Article 2 – Once struck by a stray arrow fired from Cupid’s bow, they should immediately ask the archer to shoot the same arrow in the opposite direction, so as not to be afflicted by the wound known as “unrequited love”. Should Cupid refuse to perform such a gesture, the Convention now being promulgated demands that the wounded partner remove the arrow from his/her heart and throw it in the garbage. In order to guarantee this, those concerned should avoid telephone calls, messages over the Internet, sending flowers that are always returned, or each and every means of seduction, since these may yield results in the short run but always end up wrong after a while. The Convention decrees that the wounded person should immediately seek the company of other people and try to control the obsessive thought: “this person is worth fighting for”.

Article 3 – If the wound is caused by third parties, in other words if the loved one has become interested in someone not in the script previously drafted, vengeance is expressly forbidden. In this case, it is allowed to use tears until the eyes dry up, to punch walls or pillows, to insult the ex-partner in conversations with friends, to allege his/her complete lack of taste, but without offending their honor. The Convention determines that the rule contained in Article 2 be applied: seek the company of other persons, preferably in places different from those frequented by the other party.

Article 4 – In the case of light wounds, herein classified as small treacheries, fulminating passions that are short-lived, passing sexual disinterest, the medicine called Pardon should be applied generously and quickly. Once this medicine has been applied, one should never reconsider one’s decision, not even once, and the theme must be completely forgotten and never used as an argument in a fight or in a moment of hatred.

Article 5 – In all definitive wounds, also known as “breaking up”, the only medicine capable of having an effect is called Time. It is no use seeking consolation from fortune-tellers (who always say that the lost lover will return), romantic books (which always have a happy ending), soap-operas on the television or other such things. One should suffer intensely, completely avoiding drugs, tranquilizers and praying to saints. Alcohol is only tolerated if kept to a maximum of two glasses of wine a day.

Final determination:
Those wounded in love, unlike those wounded in armed conflict, are neither victims nor torturers. They chose something that is part of life, and so they have to accept both the agony and the ecstasy of their choice.
And those who have never been wounded in love will never be able to say: “I have lived”. Because they haven’t.


giovedì 11 marzo 2010

Carpe diem ovvero goditi l'attimo (e poi pagane le conseguenze)

"None of us can be in the present and the past at the same time, not even when we try to understand the things that happen to us.Close the door,change the record,clean the house. Stop being who you were, become who you are now" (P.Coelho)


Facile a dirsi, difficile a realizzarsi. In pratica impossibile. Insomma, il "Carpe diem" non esiste, ovvero non esiste come costante, ma può essere presente in determinati periodi della nostra vita.
Chiudere le porte, cambiare le routines ed essere nel presente il presente... a volte capita.

Nel momento in cui ho deciso di lasciarmi tutto alle spalle, mi ostinavo invece a fare gli stessi errori. Incontravo persone diverse, vivevo situazioni sempre nuove. Ciò nonostante tutto mi riportava all'inizio. Nessun passo in avanti. Sempre gli stessi sbagli.

Purtroppo, essendo questo un esercizio di scrittura pubblico durante le mie pause e i periodi della giornata, non posso inoltrarmi troppo sul personale.
Posso dire soltanto che al Carpe diem andrebbe aggiunto un pizzico di consapevolezza, tale che comprenda il passato e le aspirazioni future.

Spostandoci dalla vita reale e avvicinandoci a quella letteraria, ecco che le cose cambiano. Essere presente nel presente crea l'arte, nel mio caso qualche componimento poetico, un racconto, persino un breve romanzo.


Ecco un esempio di componimento poetico (davvero pessimo). Chi lo leggerà, saprà individuare lo specifico "Carpe diem" che l'ha generato e perdonerà la sua forma "primitiva" e poco poetica. ;-)



In una calda notte di fine luglio
ti sei avvicinato
con i tuoi occhi color ghiaccio,
con quel tuo sorriso malizioso,
sussurandomi: " Dove scappi..."
Per non sentire la tua voce
sono corsa verso quel muretto
da dove si vedono Trieste e il mare
da dove si riesce a respirare
quel profumo del mare

Durante quella calda notte di agosto,
mi hai presa,
e mi hai incatenata.

Durante quella calda notte di settembre
mi sono arresa.
Anche i tuoi occhi color ghiaccio
hanno perso le loro vecchie sfumature.

Ora siamo soltanto due illusi.
Inconsapevoli vittime
del "Carpe diem".

Scrivere... secondo S.Plath

  • Voglio scrivere perché ho bisogno di eccellere in uno dei mezzi di interpretazione della vita.
  • Ho bisogno di scrivere e di esplorare le profonde miniere dell'esperienza e dell'immaginazione, far uscire le parole che, esaminandosi, diranno tutto...
  • Pensa. Ne sei capace. Soprattutto non devi fuggire nel sonno-dimenticare i dettagli – ignorare i problemi – costruire barriere fra te e il mondo e le allegre ragazze brillanti – ti prego, pensa, svegliati. Credi in qualche forza benefica al di fuori del tuo io limitato. Signore, signore, signore: dove sei? Ti voglio, ho bisogno di te: di credere in te e nell'amore e nell'umanità...